Pedemontana Abruzzo-Marche: finanziata la progettazione esecutiva. “Un passo avanti enorme, con la cantierabilità l’opera può essere candidata a valere su tutte le misure ordinarie e straordinarie” commenta il Presidente

creato da Ufficio Stampa
Info
ultima modifica 01/10/2021 14:00

Valuta la qualità complessiva di questo articolo. Grazie

3.0

La Cabina di Coordinamento dei due crateri sismici 2009-2016 ha approvato la ripartizione dei fondi del piano complementare al PNRR: un miliardo e 780 milioni di euro, dei quali 700 per il rilancio economico e il sostegno alle imprese del cratere. Per la Provincia c’è la progettazione della Pedemontana Teramo-Ascoli.

 

Un cavallo di battaglia dal nostro insediamento: completare le infrastrutture strategiche, Pedemontana e viabilità secondaria di raccordo fra la montagna e l’autostrada, e tappare le buche. Garantire l’ordinario ma lavorare sulla visione. Finalmente un enorme passo avanti, si tratta di un’opera dal costo significativo, oltre 200 milioni di euro per arrivare nelle Marche e fino alla provincia di Pescara attraverso la Val Fino.  La Provincia si è portata avanti,  abbiamo  già il progetto definitivo per l’appalto integrato ma i costi di un progetto esecutivo sono alti e importanti, oltre due milioni di euro. Con il progetto esecutivo la Pedemontana potrà essere candidata a valere su tutte le misure ordinarie e straordinarie. Si tratta di un’opera a valenza interregionale, con un grande valore aggiunto: il nostro territorio diventa lo snodo dell'Italia Centrale fra la dorsale appenninica e quella tirrenica con evidenti ricadute per il sistema impresa e per quello turistico”: commenta il presidente Diego Di Bonaventura che ringrazia: “tutti coloro che hanno raccolto il nostro appello, quest’opera è di tutti ed è strategica per l’intero Abruzzo”: