Una rete di informazione turistica e culturale per le aree interne animata dai giovani. Parte il progetto REALSTART , bando Anci - Presidenza del Consiglio.

creato da Ufficio Stampa
Info
ultima modifica 23/04/2018 14:10

Valuta la qualità complessiva di questo articolo. Grazie

1.0

Teramo 23 aprile 2018. Finanziato per 145 mila euro il progetto “RealStart” presentato dalla Provincia insieme a sedici Comuni, all’Università di Teramo; all’Ente Parco Gran Sasso-Laga, al Cope e a sei Associazioni. Il bando è stato curato dall’Associazione nazionale dei Comuni e i fondi sono quelli della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della gioventù.

Il progetto include numerose azioni; dalla formazione di 40 giovani che diventeranno accompagnatori turistici ed esperti di comunicazione social, alla realizzazione di un sito dedicato al territorio fino alla creazione di punti “fisici” informativi. I giovani formati andrebbero a costituire una Cooperativa di Comunità che collaborerà con i Comuni partecipanti al progetto per promuovere azioni di promozione turistica e culturale.

I Comuni partecipanti sono: Teramo, Campli, Castelli, Castel Castagna, Colledara, Cortino, Civitella del Tronto, Crognaleto, Fano Adriano, Isola del Gran Sasso, Montorio al Vomano, Pietracamela, Rocca Santa Maria, Torricella Sicura, Tossicia, Valle Castellana. Le associazioni che hanno aderito sono: Associazione Genius Loci, Associazione Le tre Porte, Club Alpino; Italiano di Castelli, Associazione Protezione Civile Monti della Laga, Pro-loco di Castelli, Associazione CredeTE.

Un laboratorio di idee per valorizzare il territorio utilizzando tutti gli strumenti che il mondo digitale e social ci mette a disposizione, i giovani saranno i protagonisti del progetto – dichiara il consigliere delegato alla scuola, Mirko Rossi – la creazione di una Cooperativa di Comunità è uno degli obiettivi ed è lo strumento per garantire un futuro all’iniziativa anche dopo il termine della fase di avvio (12 mesi ndr). La rete dei Comuni potrà convenzionarsi e mettere in moto un circuito virtuoso riempiendo quello che di fatto oggi è un vuoto perché nelle aree interne, fortemente provate dal sisma, sono carenti i servizi di promozione turistica e culturale ma esiste un patrimonio storico, culturale e ambientale decisamente notevole”. Tutti gli enti e le associazioni che hanno aderito al progetto si ritroveranno per una prima riunione operativa il prossimo 8 maggio, alle 15.30, nella sala consiliare dell’ente.