Donne vittime di violenza familiare. Lo spot realizzato dalla Commissione Pari Opportunità della Provincia di Teramo.

creato da Ufficio Stampa
Info
pubblicato 03/04/2020 10:41

Valuta la qualità complessiva di questo articolo. Grazie

1.0

"Sollecitiamo l'attenzione di una rete sociale e solidale: amici, parenti vicini possono svolgere un ruolo determinante" dichiarano Tania Bonnici Castelli e Beta Costantini.

Con le misure restrittive per il contenimento del contagio, i centralini dei Centri Antiviolenza hanno smesso di squillare. Un fenomeno che si è sempre verificato anche durante le vacanze o nei week end quando gli uomini maltrattanti sono in casa.

Per le donne vittime di violenza familiare è un periodo molto duro ma i servizi antiviolenza non sono chiusi e si stanno riorganizzando per fare fronte a questa nuova situazione a partire dall'utilizzo di strumenti digitali che possano garantire la tempestività dell'intervento.

"L'analisi del fenomeno e il confronto sempre vivo fra gli operatori che si occupano di sostegno alle donne individua anche un aspetto molto importante in questa fase: la "guardia sociale", una rinnovata attenzione da parte di vicini, parenti, amici che in questo particolare momento possono diventare sentinelle preziose - dichiarano la presidente della CPO, Tania Bonnici Castelli e la consigliera delegata alle pari opportunità, Beta Costantini - da questa riflessione è nata l'idea di lanciare un messaggio nuovo, sollecitando una rete di protezione sociale che parta dal basso. Come sempre ogni informazione viene trattata con la dovuta competenza e discrezione solo dagli operatori dell'antiviolenza e ha carattere anonimo".

Lo spot #iorestoacasa ma non mi sento sicura è realizzato con il contributo delle componenti della CPO della Provincia. Lo spot sarà diffuso sulle piattaforme social dell'ente e si chiede, laddove possibile, la collaborazione degli organi di informazione, televisioni e on line, per una sua capillare diffusione.
#turestaacasa #noilavoriamo