Questo non è amore...

creato da CPO e Consigliera di parità
Info
ultima modifica 25/11/2020 13:15

Valuta la qualità complessiva di questo articolo. Grazie

2.0

Campagna di informazione e sensibilizzazione contro la violenza di genere della Polizia di Stato

Locandina Campagna Polizia di Stato

Ogni volta che mi trovo ad affrontare per motivi isti-tuzionali questa tematica, mi piace ricordare che la Polizia di Stato ha iniziato un percorso di specializzazione già negli anni ’90, fino a diventare, con i propriuffici e servizi, il “terminale” di tutta quella necessaria e doverosa attività di prevenzione e di contrastodei reati di violenza di genere.

Anche in questo periodo, caratterizzato da diverseemergenze, le statistiche ci mostrano come la donna, in quanto donna, continui ad esse la destinatariaprivilegiata di efferati fatti di sangue. E allora più che mai oggi, che il sistema normativo è particolarmente attento a queste situazionied offre numerosi strumenti di tutela, emerge la triste verità, che riconduce le cause primarie deidelitti basati sul genere della vittima a fattori culturali: le violenze sono il frutto di una considerazione della donna come un oggetto di proprietà.

Le forze di polizia sono sempre più preparate sulletematiche, si sono dotate di luoghi idonei dove accogliere la vittima, si sono aggiornate sui modulioperativi e di primo contatto, la rete ed il funzionamento dei centri antiviolenza è ormai consolidata.

Grazie alla sinergia di queste componenti, le vittime ottengono un importante sostegno inmomenti così delicati, in cui far emergere il loro disagio è sempre difficile.Il ruolo decisivo ora spetta alla comunità: tanto più una donna si sentirà protetta nel contesto in cuivive tanto più capirà che uno schiaffo ricevuto non è solo uno schiaffo, che la denuncia non saràun atto di cui vergognarsi, ma la giusta soluzione a un percorso di violenza subita.

Noi facciamo grandi sforzi e continueremo a farli, ma fino a quando la comunità si disinteresseràe non si farà carico di sostenere le vittime, fino a quando le donne si sentiranno sole nell’ambitodella comunità, il nostro impegno resterà incompiuto. Il nostro servire la collettività verrà sempre fatto con pazienza, amore, coinvolgimento emotivo,con il sorriso sulle labbra, perché ogni servizio, che può addirittura rivelarsi funesto, è un qualcosache accresce ognuno di noi. Servire è la nostra unica ragione di esistere.

Il Capo della PoliziaDirettore generale della pubblica sicurezza
Franco Gabrielli

Allegati
— Classificato con: Aree tematiche: , , ,